Cervi sugli alti pascoli

In Val Del Monte nel Parco Nazionale dello Stelvio

Siamo ormai prossimi al tempo degli amori del cervo che vede, a cavallo dei mesi di settembre e ottobre, gli instancabili cervi maschi, indaffarati a raccogliere e raggruppare le femmine e a controllarle e proteggerle dalle avance dai rivali. E’ il periodo in cui dai boschi e dai pascoli si diffondono, per l’intera valle, i possenti bramiti che segnalano l’ubicazione deghi harem dei cervi dominanti.







Al termine della prima decade di settembre vale quindi la pena di salire sugli alti pascoli del Parco Nazionale dello Stelvio, per verificare la presenza e la posizione dei cervi, nell’attesa di poterli osservare più avanti, tra pochi giorni, nelle loro autunnali ardenti esibizioni.


Mi reco quindi al Fontanino di Pejo, in Val del Monte, e raggiungo, all’alba le zone solitamente frequentate da questi ungulati, a monte del Lago di Pian Palù. La fitta, ripida distesa d’erbe alte e secche brilla a sole del primo mattino quando mi apposto, al riparo di un masso, a valle di un ampio pendio libero dalla vegetazione arborea. Non devo attendere molto per veder sbucare in alto, da un rado lariceto sul mio fianco, alcune cerve con i piccoli dell’anno. Attraversano il pascolo avviandosi più a valle, verso il folto del bosco. Avvertono la presenza estranea e ritornano velocemente sui loro passi nascondendosi tra i larici.




Poco più tardi sbucano altri esemplari, fusoni, femmine con i giovani, da soli, in coppia o in minuscoli gruppi e tutti attraversano più o meno velocemente la grande radura dirigendosi verso il bosco. Molto in alto, quasi contro il cielo, si affacciano improvvisamente tre maschi che, dopo aver brucato a lungo le erbe coriacee del pascolo, si distendono a sonnecchiare in un piccolo avvallamento ombroso scomparendo alla vista.




Il sole è alto, gli animali ormai riposano nel bosco fitto o nascosti in qualche depressione del terreno. E’ inutile attendere oltre. Scendo a valle ripromettendomi di ritornare quassù, tempo permettendo, tra una settimana o poco più, quando si potranno udire i primi bramiti dei cervi in amore.



Con un clic puoi guardare tutte le fotografie in Google Foto



Foto dei cervi eseguite con obiettivo Pentax 300 mm f 4. Alcune con teleconverter 1.4x originale. Ritagliate in post-produzione vista la notevole distanza di ripresa...

1 commento:

Unknown ha detto...

bellissime foto che svelano le meraviglie di qs animali